Ucimu-Sistemi Per Produrre: presentati i risultati della sesta edizione dell’indagine sul Parco Macchine Utensili e sistemi di produzione installati nell’industria italiana

29.06.2021 - UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE

Cinisello Balsamo 29 giugno 2021. Il parco macchine utensili e sistemi di produzione installato nell’industria italiana risulta più vecchio di quello di cinque anni fa. In particolare, nel 2019, l’età media dei macchinari di produzione presenti nelle imprese metalmeccaniche del paese è risultata la più alta mai registrata.

Di contro cresce il grado di automazione e integrazione degli impianti, segno che le misure di incentivo alla competitività in materia 4.0 hanno avuto i primi effetti.

Questo, in sintesi, è quanto emerge dalla ricerca Il Parco macchine utensili e sistemi di produzione dell’industria italiana, ideata da UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, in collaborazione con FONDAZIONE UCIMU, realizzata con il contributo di Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, di ICE Agenzia e Unioncamere.

L’indagine, effettuata con cadenza decennale e giunta alla sesta edizione, arriva ad appena cinque anni dalla precedente, con l’obiettivo di misurare i primi effetti della politica industriale 4.0 adottata dal paese.

 

I risultati dello studio sono stati presentati, oggi, nel corso dell’incontro online cui sono intervenuti: Barbara Colombo presidente UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE, Marco Verna, responsabile Settore Meccanica Industriale ICE Agenzia, Marco Fortis, economista, Stefania Pigozzi, Responsabile Centro Studi UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE. A moderare l’incontro Dario Di Vico, editorialista de Il Corriere della Sera.

Condotto su un campione rappresentativo di oltre 2.000 imprese (con più di 20 addetti), lo studio fornisce il quadro su: numerosità, età media, grado di automazione/integrazione, composizione e distribuzione (per settore, dimensione di impresa, aree territoriali) del parco macchine utensili e sistemi di produzione dell’industria del paese, al 31 dicembre 2019.

In questo senso, l’indagine fotografa lo stato dell’industria manifatturiera (metalmeccanica) italiana, proponendo indicazioni in merito al grado di competitività dell’intero sistema economico nazionale. Le unità produttive censite sono pari al 15% dell’universo delle imprese del settore; esse danno occupazione al 17% degli addetti impiegati.

Per meglio contestualizzare i dati emersi dall’indagine è bene considerare alcuni numeri di scenario. Secondo i dati dell’ultimo censimento effettuato da ISTAT nel 2017, l’industria metalmeccanica del paese ha subito un ulteriore ridimensionamento rispetto a quanto già rilevato nel censimento precedente (2011). È diminuito il numero delle fabbriche risultate, nel 2017, 15.241, (-3,7%) ed è calato anche il numero degli addetti impiegati, scesi sotto 1.150.000 unità (-3,1%).

Files collegati

Contatti

Direzione Relazioni Esterne

Claudia Mastrogiuseppe
tel +39 02 26255.299
external.relations@ucimu.it